Gennari, nun fa tard…

La vigilia del Miracolo immaginata dall’autrice di teatro Anna Mazza

Riceviamo e pubblichiamo

Scritto da Anna Mazza

E nu moment, nu moment… non fai in tempo a prendere sonno che già ti devi alzare. Uff.

Ahhhh… che poi se devo essere sincero ho dormito proprio male. ‘Na nuttata chiara chiara, diciamo. S’hann miso nu poco ‘e penzier, nu poco ‘o fatto che stammattina tenesse che ffà, nu poco ‘e puparuol c’aggia mangiat aieressera.. e che vuò durmì.  E NU MUMENT !
Ho detto che mi sto alzando!! Mamma mia bella! E comme stanno stammatina.. aee, che jurnata che è schiarata…E quanti ne so venut! Facimmo semp chest, tutte le volte, mo stann tutt quant ccà, nobili e snobili, politici e muort e famm, pure ‘e parient, tutti.

‘E zie, e sore cugine, mah…che io poi manc ‘o sapevo ca tenev tutt ste zie..ma ch‘e vuò dicere? Mi fanno tenerezza, so accussì bellelle! Ci posso mai dire, m’ata scucciat jatevenne?
Quelli si prendono collera, mi pigliano pure a male parole, avite vedè con quale arroganza me sfottono pure, mi chiammano Faccia Gialla !! A me! Ma che vi devo dire, io poi lascio correre, è vero sono scostumati però song pure tanto affezionati. Guardate ccà, tengo chiù gioielli io ca a regina Lisibetta, tengo sta mitra cu na mappata ‘e smeraldi esagerata, comme me pozz maje piglià collera cu chisti ccà?

cop-anna-mazza2Marò, che jurnata, me ne  jesse proprio a fà na camminata a Pozzuoli, ‘n copp o lungomare, a via Napoli, rione terra. Sapete, io ci sono affezionato a quei posti, quando ero giovane ci aggia perz’ ‘a capa. Letteralmente eh…e però che vi devo dire, ci torno comunque con piacere. Uno mica se le può spiegare razionalmente certe cose, no. Comme l’ammore, voi prima di innamorarvi di una persona ve facite ‘e cunte, del perchè e del per come? No. ecco qua.

Nemmeno io. E manc’ lloro. Stanno qua,  senza se fa cunt’, perchè me vonno bene. Oddio, nemmeno proprio disinteressatamente diciamo la verità.

Avite vedè comme me fischiano ‘e recchie: “te voglio bbene, famm piglià n’ambo”,oppure  mi vengono a chiedere piaceri p‘a fatica, ‘o nnammurato,  ‘a salute, di tutto di più…

­Io poi so bell’ e caro ma si m’ ‘ncazz po’ nun me soso, nun sceng abbascio, nun me faccio vedè proprio. E qualche volta l’ho fatto sapete? Nel settembre del 1939 e del 1940, del 1943, nel settembre del 1973 e nel  settembre del 1980. Eh, e guardate che sono stato pure un signore, perchè alle volte mi fanno proprio perdere I lumi della ragione. Per esempio, no,  io vi voglio pure venire incontro, voglio fare da intermediario c’o Vesuvio, ma si vuje continuate a costruire le case abusive dove non si può, ne ma vuje che vulite a me?? No guardate ‘e vote me facite proprio jettà ‘o sang.

Si si, aggio capito, mo sceng….. nu moment!
Statevi bbene, mo tengo ‘o che fà.

Nota: il Santo ha ritardato alla vigilia di avvenimenti storici importanti. Nel settembre del 1939 e del 1940, inizio della seconda guerra mondiale e dell’entrata nel conflitto dell’Italia; nel settembre del 1943, data dell’occupazione nazista, nel settembre del 1973, periodo della diffusione del colera a Napoli e nel settembre del 1980, anno del terremoto in Irpinia

Un commento

Lascia risposta

*

*

  • Gennari, nun fa tard… | News Oggi
    19 settembre 2016 at 8:31 - Reply