Tommaso Sodano: angosciato da Grillo- Berlusconi

Legge elettorale fasulla, la peggiore campagna elettorale della storia italiana, Potere al Popolo lavori pensando al futuro e sul voto a Napoli dico...

Per la prima volta un intervento di Tommaso Sodano, l’ultimo primo cittadino comunista della città di Napoli.

Tommaso Sodano, a cui va il nostro più caloroso ringraziamento per questa breve chiacchierata, afferma di essere preoccupato per il futuro del Paese e di una legge elettorale che con molta probabilità sarà prima o poi cancellata dalla Corte Costituzionale.

Se devo dirla tutta, questa è la peggiore campagna elettorale che io ricordi, non ho visto confronti pubblici, non un comizio nelle piazze, io ho notato solo un condensato di gossip e veleni, il tutto favorito da una legge elettorale fasulla, complicata, pur non essendo un costituzionalista, credo che questa legge, il Rosatellum, sarà dichiarata incostituzionale dalla Consulta.

E poi…vedere dopo un quarto di secolo ancora Berlusconi fare le stesse cose, promesse, patti con gli italiani e contratti, mi mette una profonda tristezza.

Viviamo in un Paese che si aggrappa a chi, pur avendo avuto gravi responsabilità oggi ripropone le stesse ricette,  Ma il marcio è anche in coloro che continuano a sperare e credere in una politica fatta di condoni edilizi e fiscali, e non solo…

Meno male che non sono francese e non mi troverò costretto a vivere un eventuale ballottaggio Grillo-Berlusconi, sono angossciato da entrambi, perché hanno un’idea “sfascista” dello Stato, e delle Istituzioni democratiche, ripeto,  se dovessimo avere un sistema elettorale alla francese con ballottaggio tra i primi due bisognerebbe lavorare ad una proposta credibile di sinistra al al ballottagio. Questo mi fa pensare che Potere al Popolo lavori pensando al futuro e non alla contingenza elettorale, e ad onor del vero i primi segnali sono incoraggianti.

Riguardo a Napoli e un’eventuale ripercussione dell’esito elettorale nell’attuale governo cittadino temo una un fisiologico calo di tensione da parte dei tanti consiglieri che, non avendo alle spalle la maturità e la forza dei Partiti cominceranno a guardare al dopo de Magistris.

 

Vincenza Muto

Appassionata di politica e comunicazione, antifascista e militante in diversi collettivi durante gli anni trascorsi alla facoltà di sociologia, mi sono sempre dedicata a tematiche sociali. Mi sono impegnata nelle battaglie per l’acqua pubblica, nella difesa della scuola pubblica, ho lottato per difendere l’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, per i diritti civili e per l'autodeterminazione delle donne e in generale lotto per la difesa dei diritti della fasce più deboli della società.
No commento

Lascia risposta

*

*