SVIZZERA: IL RAZZISMO COLPISCE GLI ITALIANI, A RISCHIO 60MILA

Il gioco dei “26 cantoni”. Ovvero quando sono gli extra – comunitari a dettare legge

Quello di cui vogliamo parlare oggi non è il gioco dei 4 cantoni, ma quello dei 26 cantoni – tanti infatti sono gli stati che chiamati “cantoni” formano la Confederazione Svizzera. Ma più che parlare di un gioco, vorremmo capire piuttosto a che gioco stanno giocando i nostri cugini d’oltralpe.

Ci riferiamo in particolare al referendum svoltosi nel Canton Ticino, che con il solito spirito isolazionista, xenofobo, brutalmente razzista, con l’idea del “prima i nostri” comprometterà il transito di 60.000 lavoratori frontalieri (italiani) che ogni giorno – da anni – passano la frontiera per andare a lavorare nella terra di Guglielmo Tell.  Tra qualche tempo non lo potranno fare più e come riferito da molti notiziari il futuro si fa più incerto per altre 60.000 famiglie italiane. Il gioco a cui stanno giocando, si capisce facilmente, è quello in voga da più parti in Europa “tieni l’alieno a casa sua” – sono consentiti tutti i mezzi , muri, leggi, (cannonate no perché non è politicallycorrect) per vincere il gioco.

frontalieriIl ministro Gentiloni ha detto che se fosse stabilito il blocco ci sarebbero “conseguenze”. Sicuramente ce ne sarebbero per i frontalieri e le loro famiglie, perché non so che cosa noi potremmo “fare” agli svizzeri come rappresaglia e convincerli ad evitare questo ennesimo “muro non di mattoni ma “ex – lege”.

Bloccare le importazioni di cioccolato, Hemmenthal, Rolex ?Quello che è evidente è che la crisi economica colpisce in maniera trasversale, tutti i paesi, tutti i lavoratori – pure quelli più fortunati che vanno a lavorare oltre confine e che respirano il “profumo della ricchezza” svizzera.

Ma ancora una volta non si vuole proprio capire che la soluzione non è “estromettere”, ma includere, collaborare tutti per andare avanti in un mondo dove nessuno stato ce la può fare da solo.

Diversamente andiamo incontro ad una “guerra” dei ricchi contro i poveri, ma poi anche a guerre tra ricchi e ricchi e poveri e poveri, perché ci sarà sempre chi è più ricco di qualcun altro (che sarà il più povero).

Comunque altra considerazione da fare è che, mentre tutta l’Europa e pure noi, cerchiamo di limitare gli ingressi degli extracomunitari, nel caso specifico sono questi “extracomunitari svizzeri” che non ci vogliono a lavorare da loro. Un caso di mondo “sottosopra” dove sono gli extracomunitari quelli che escludono i “comunitari”.  La cosa poi è ancora più paradossale se si pensa che dei 26 cantoni svizzeri (2 quello Ticino e quello dei Grigioni) sono definiti italiani. In particolare nel Canton Ticino la prima lingua è l’italiano.

svizzeraE ancora,  se tale è la situazione com’è che i sostenitori dell’autodeterminazione dei popoli, dei muri, del “prima i nostri” e voi sapete a chi ci riferiamo in Italia, non hanno tuonato contro questa strana consultazione referendaria che ha visto gli Svizzeri Italiani, escludere quelli della loro stessa etnia gli Italiani Frontalieri? E com’è che qualcuno non ha proposto una spedizione oltre confine (tipo quella Fiumana) per annettere all’Italia, questa terra “nostra”.

La verità è che noi italiani siamo strani anche oltre confine. E dovremmo tutti imparare, specie quelli che predicano contro gli extracomunitari, i diversi, i terroni che c’è sempre qualcuno che sta più a Sud di qualcun altro, che è terrone per qualcun altro, che è extracomunitario per qualcun altro.

E manco a farlo  apposta sono quelli della nostra razza, cultura, lingua (gli Svizzeri Italiani – ma pur sempre italiani) ad impartirci la lezione. Un leader come Matteo Salvini, paradossalmente, potrebbe trovarsi ad un bivio epocale, e sperimentare tutta la schizofrenia delle idee sostenute: è meglio tutelare i posti di lavoro degli italiani che stanno di qua (i frontalieri) che poi sono “Padani”o l’autodeterminazione degli italiani che stanno di la (quelli del Canton Ticino) che hanno votato SI al blocco nella consultazione referendaria?

Il gioco dei Cantoni sembra prevalere in tutto il continente, a dire “teniamoci lontani”, piuttosto che “teniamoci in contatto”.uestQuest

No commento

Lascia risposta

*

*