Pronto un nuovo partito, il “Movimento dei senza lavoro”

I disoccupati ( e non occupati) fondano un partito trasversale che li rappresenta,senza alcuna ideologia politica, già pronti 250mila posti

Nè di Destra nè di Sinistra, nessun santo nella biblioteca, nè Marx, nè Nixon, ma solo un grande comune interesse di bottega, il lavoro!

Questo movimento, raccogliendo i voti dei loro familiari,parenti e amici di coloro che rappresenta diventerebbe il primo partito del paese con oltre venti milioni di voti !

Il conto e’ semplice ed approssimato per difetto, basta considerare i cinque milioni di disoccupati e non occupati che ci sono oggi in Italia, per ciascuno di loro tre elettori tra familiari,parenti ed amici e si arriva ai summenzionati venti milioni di voti ( 3 x 5.000.000= 15.000.000 + 5.000.000=20.000.000).
Naturalmente tutti sappiamo che in Italia i “senza lavoro” vanno ben oltre i cinque milioni di persone; comunque, a questo punto, se consideriamo che nel “belpaese” oggi  il 5% della forza lavoro vive di politica, oltre un milione di persone, il nuovo partito ” sistemerebbe” immediatamente oltre 250.000 senza lavoro che avrebbero una occupazione sicura,dignitosa e ben retribuita!
Deputati,senatori e a cascata sottosegretari,consiglieri regionali,provinciali e comunali,
lavoroAssessori, portaborse, autisti,  segretari particolari, addetti stampa, collaboratori,consulenti ed amministratori delle numerose società pubbliche (oltre settemila).
Enti che non hanno più ragione di esistere e tutti i membri dei consigli di amministrazione dei fondi pensione zeppi di ex politici ed ex sindacalisti che gestiscono i soldi dei lavoratori ( con quali competenze?) e sono pagati profumatamente indipendentemente dalla qualità della gestione, ad esempio delle centinaia di milioni di euro persi da Enasarco,Eppi,Enpaci,Epap etc. nel fallimento di Lehman Bros. attraverso l’investimento nel veicolo finanziario esotico denominato Anthracite non si e’ parlato molto e tutti sono rimasti attaccati impunemente alle loro poltrone come non fosse accaduto nulla.
Concludendo, ipoteticamente potrebbe anche capitare che tra gli esponenti del nuovo partito, il Movimento dei “senza lavoro” salti fuori qualche persona perbene, proba e capace, disposta ad impegnarsi per il bene di tutti gli italiani, non solo dei suoi elettori, senza tangenti,mazzette,bustarelle ed intrighi vari di cui parlano e scrivono i media quotidianamente e che ormai non ci colpiscono e meravigliano piu’; anzi le notizie ci scivolano addosso come se fossero cose normali ed inevitabili, siamo assuefatti al marciume…

 

No commento

Lascia risposta

*

*