Pericolo infanzia: anche a Napoli i “bambini invisibili”

Alla sala Nugnes le commissioni Cultura e Welfare trattano l'argomento peggiore, Prostituzione minorile
Talking-to-the-Trees-0

Interessante mattinata oggi al Palazzo del Consiglio Comunale di Napoli.

Nella sala Nugnes si sono riunite in forma congiunta, le commissioni Cultura e Welfare del Comune di Napoli. Il tema trattato è stato il dramma umanitario della violenza sui minori, la prostituzione minorile ed in particolare il fenomeno del cosiddetto turismo sessuale.

L’occasione è stata la presentazione del film “TALKING TO THE TREES” (PARLA CON GLI ALBERI). Un film di Ilaria Borrelli, regista napoletana candidata al David di Donatello che ha scelto di presentarlo a Napoli, prima della proiezione prevista per domani al Parlamento europeo. L’evento sembrava da annullare perché la sala prescelta era stata occupata all’alba dagli operai della “Cooperativa 7 Novembre“, in lotta per una vertenza con Comune e Regione.

prost min 2Dopo l’opera di mediazione condotta da due consiglieri, gli operai sensibili alla tematica riguardante i minori, hanno accettato la condivisione della sala, ed anzi, si sono aggiunti alla commissione ritagliandosi un loro spazio dove hanno condiviso con i presenti le ragioni della loro lotta.

Ad Introdurre la mattinata è stata Elena Coccia, Presidente Commissione Cultura, presentando alla Borrelli ed agli altri convenuti, tutti i componenti delle due commissioni. La parola passa poi alla regista del film Ilaria Borrelli, che ha cominciato a snocciolare i dati del fenomeno, dicendo che riguarda 40 milioni di bambini in tutto il mondo, 200 000 scomparsi solo in Europa.

Un buisiness con cifre comparabili al traffico della droga e delle armi, una forma di schiavitù peggiore di quella degli adulti, vista l’impossibilità per bambini indifesi di ribellarsi, soprattutto perché la maggior parte di loro sono afflitti dal problema della fame. La Borrelli ha poi raccontato delle difficoltà che ha riscontrato nella ricerca dei finanziamenti per realizzare il suo film, l’argomento è ritenuto tabù dal cinema ufficiale, e alla fine lo ha realizzato grazie ad un capitale di 50 Mila€ raccolti in famiglia e una parte grazie all’aiuto di qualche associazione in Francia, dove la Borrelli risiede.

prost minLa Presidente Coccia ha poi ricordato che esiste una legge sulla perseguibilità’ del reato di violenza sui minori, anche qualora venisse consumato all’estero. Ma ha anche ammesso che durante i suoi quasi 40 anni di professione da avvocato, ricorda pochissimi casi di condanna per questo tipo di reato, soprattutto per la grande corruzione esistenti in paesi come Cambogia, Veitnam o Thailandia, dove anche se arrestati, spesso basta pagare un migliaio di dollari per uscire di prigione e farla franca.

Il Film sarà proiettato al Parlamento europeo e poi al cinema La Perla di Napoli il 23-24 Gennaio. La parola poi è passata alla dott.ssa Maria de Luzemberg, Procuratrice presso la procura per i minori di Napoli: Anche a Napoli esiste un fenomeno di sfruttamento dei bambini, soprattutto riguardante i cosiddetti “bambini invisibili“. soprattutto figli di immigrati, nemmeno registrati all’anagrafe. Maria Caniglia, Presidente Commissione Welfare, auspicava che quella di stamattina, sia stata solo la prima iniziativa su questo tema, augurandosi che ne seguiranno altre, vista l’assoluta necessita’ di aumentare la sensibilizzazione dei cittadini su questo dramma. È stata poi la volta di Francesco Vernetti, consigliere e componente della commissione Cultura, insegnante e delegato UNICEF, ha raccontato dell’ultimo rapporto Unicef che presenta dati devastanti, descrivendo un fenomeno di ampie dimensioni, per la cui soluzione non può bastare investire solo la scuola, ma deve riguardare modifiche profonde dei costumi e della cultura nella società nel suo insieme.

coppyLa Consigliera Menna ha posto invece l’accento sulla necessità di indagare sul perché di una Cultura che prova piacere nel violare ciò che è più fragile, ed ha ringraziato la regista per lo stimolo fornito alla discussione in città sul tema, grazie alla sua scelta di presentare il film al Comune di Napoli. Il Consigliere Mario Coppeto ringrazia le due presidenti di commissione, complimentandosi con loro per la scelta dell’argomento, e dopo un breve passaggio preoccupato sul tema dell’innocenza perduta che sempre più spesso si riscontra in gran parte dell’universo minorile, ha posto l’accento sul tema delle diseguaglianze socio economiche nel mondo, quale brodo di coltura, per il dilagare di tutte le violenze, compresa quella dello sfruttamento minorile. La Consigliera Uleto invece, ha sottolineato il tema della certezza della pena per coloro che si macchiano di un simile reato, non escludendo anche la castrazione chimica. Tutti al cinema La Perla per la proiezione completa del film il 23 e 24 Gennaio.

Umberto Laperuta

LabManager Dipartimento di Biologia della Federico II. Presidente ODV "Noi&Piscinola", compagni di viaggio del Teatro Area Nord. Tutta la mia passione a sostegno del TAN, terzo teatro comunale di Napoli, unico centro culturale in tutta l'Area Nord della città. Aspettando i tempi della politica, intendiamo contribuire ad unire la città ed i suoi quartieri attraverso la promozione culturale ed artistica, pur consapevoli che: "Ad ogni problema complesso corrisponde una soluzione semplice..... ma è quasi sempre quella sbagliata!!
No commento

Lascia risposta

*

*