NON ABBIAMO UN PIANETA B

Il compito di chi governa è trovare soluzioni e non fare scelte, è urgente!
Per questo semplice motivo,dopo la manifestazione di sabato 15 Marzo di Fredayforfuture,Sabato 23 Marzo saremo a Roma, per la grande #Marcia per il Clima E contro Le Grandi Opete Inutili con tutto il mondo dei movimenti ambientali,dei comitati civici, delle scuole e delle università,che combattono da anni il biocidio e l’inquinamento che e’ alla base del mutamento climatico in atto e quindi del Global Warming.
Saremo tantissimi e spero davvero che il governo sia attento a non  permettere che un corteo pacifico venga provocato ne’ che vengano tollerate “infiltrazioni esterne” che possano spostare-come al solito-l’attenzione dai VERI MOTIVI DI QUESTA PROTESTA A EVENTUALI VIOLENZE “INDOTTE” e fatte passare per “ INTERNE” al movimentismo.
Giochino già visto nel passato ( GENOVA, SEATTLE,ROMA,….)e che il ministro degli interni Salvini DEVE evitare.
Spero di essere stato chiaro.
Già sabato 15 Marzo scorso i ragazzi/e mondiali ci hanno dato “la sveglia”.
Lo hanno fatto a milioni.
La propaganda capitalista, quella delle mayor del petrolio,del gas, del cemento ,identificabili e sostenute dalla dx mondiale, sovranista dei Trump, Salvini ,Orban (ma anche da pezzi suicidi e antistorici di alcuni pezzi del socialismo europeo ancora legati ad una anacronistica e fallita terza via di Blair..) prova a screditarli mettendo in evidenza una loro normale impreparazione su temi complessi, da parte di ragazzini spesso adolescenti.
Dimenticando CHE NON È LORO COMPITO TROVARE LE SOLUZIONI E FARE LE SCELTE.
QUELLO TOCCA ALLA NOSTRA GENERAZIONE CHE HA PROVOCATO QUESTO DISASTRO ECOLOGICO CON SCELTE IRRESPONSABILI E SUPERFICIALI NEGLI ULTIMI 50 ANNI.
Ogni giorno che passa spietatamente un orologio invisibile segna il tempo che continuiamo a non utilizzare per combattere un nemico silenzioso e globale .

E il silenzio con cui i governi hanno risposto a Greta e ai ragazzi/e del #FredayForFuture  urla imbarazzo in maniera insopportabile.

L’inquinamento da co2 ( anidride carbonica ) è la causa del riscaldamento del nostro pianeta e del conseguente mutamento del clima .
Abbiamo tempo fino al 2030.
E  circa 91 scienziati indipendenti, che hanno prodotto 6000 studi scientifici  condensati dall’Onu tramite IPCC, ci rivelano con precisione a quali rischi andiamo incontro se non abbatteremo in maniera drastica le emissioni,che ci porterebbero ad aumentare la temperatura media del globo di un ulteriore mezzo grado.
Il che significherebbe che avremmo aree della terra, spesso quelle già oggi più povere, con aumenti anche di 2/3 gradi medi con  conseguenze drammatiche su agricoltura,acqua dolce,allevamenti e quindi sulla vita stessa della specie umana in larghe fette del pianeta.
Con le conseguenze su migrazioni massicce e inevitabili conflitti con popoli confinanti, facilmente immaginabili .
In questo scenario molto preoccupante Noi dobbiamo cambiare totalmente il nostro modo di vivere su questo pianeta rispetto a quanto fatto fino ad oggi
1)Invertendo cioè un sistema industriale,energetico  che utilizza solo fonti fossili, verso le energie rinnovabili
2)Agendo a monte sulla produzione di plastiche e sul loro dissennato utilizzo nella grande distribuzione di merci
3)Creando un sistema circolare di riutilizzo spinto dei rifiuti 
4)Agendo seriamente in maniera strutturalmente repressiva su ogni forma di inquinamento di terra, acqua, aria .
5)Attuando una riforestazione urbana e suburbana massiva e approcciata scientificamente di tutte le aree degradate pubbliche e private per aumentare la produzione di ossigeno e contemporaneamente la captazione di anidride carbonica e polveri sottili
6)Riducendo  l’uso di automobili private nelle città,rilanciando trasporti su ferro.
7)Passando da un sistema capitalistico  che predilige il consumo dissennato delle risorse della madre terra a un sistema ecosostenibile a tutto tondo.
8) promuovendo una rivisitazione urbanistica delle città che prediliga l’ecosostenibilità delle costruzioni e il riutilizzo del cemento abbandonato.
Chiediamo risposte su questi punti al governo italiano e chiediamo di  essere convocati per ascoltare e essere ascoltati .
E condividere soluzioni
E lo chiediamo subito,perché Gea non ha tempo da concederci
2 Commenta questo articolo

Lascia risposta

*

*

  • Anna Caramiello
    23 marzo 2019 at 7:56 - Reply

    Anna Caramiello Sarà UNA INEZIA/SCIOCCHEZZA ma, Incominciamo a NON Comprare più Tutto ciò che Viene Coltivato, in Serre Riscaldate da Gas o Quant’altrooooo! Aspettiamo che, le Zucchine, Melanzane, Pomodori etc…etc… hanno bisogno di attendere, la Stagione Idonea per la Loro Crescita/Produzione !!!!! Sarà un Minuscolissimissimaaaa …Precauzioneeee, ma Incominciamo da OGGiiiiiiiiii ad Evitare gli Acqusti di Prodotti che Crescono nelle SERRE !!!! Non Si MORIRA’ se aspettiamo che, le Melenzane e Pomodori li mangeremo solamente, nella Stagione Estiva !!!!!!!! Ricordo con Nostalgia, quando noi bambini attendevamo con gioia il grande Lavoro di scegliere, lavare, tritare i Pomodori e versarNe il prezioso SUCCO in bottiglie . Successivamente si aggiustavano nei bidoni coprendoli di acqua, ed aspettare la cottura……!!!
    “Wowwwwww era una FESTA FAMILIARE”

  • Anna Caramiello
    23 marzo 2019 at 8:00 - Reply

    “Wowwwwww era una FESTA FAMILIARE”