Napoli capitale dei diritti umani

Prossimo al via un Festival strano "il cinema dei diritti umani"

Esiste uno spazio per una Napoli che non sia solo cronaca nera o la caricatura stantia di città difficile? Forse si, anzi sicuramente si.  Ma ammettiamolo, è difficile accorgersi di quello spazio se i colori preminenti del racconto mediatico che la riguardano, sono solo gradazioni di una notte che inghiotte qualsiasi luce.  Eppure molti, con ostinazione silenziosa,  prestano il loro impegno per un profilo di città non rassegnata, laboriosa, propensa a sperimentare in molti campi, orgogliosa delle sue unicità, accogliente, solidale, onesta e connessa col mondo.

Il volontariato di chi, da otto anni, anima il Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli è parte di quei molti, che pur esistendo, talvolta, faticano anche a riconoscersi tra loro.

Come si è avuto modo di sottolineare in molte occasioni, il sogno dichiarato è che il nostro lavoro concorra a fare di Napoli una Capitale dei Diritti Umani. Per questa ottava edizione, dal 9 al 14 novembre prossimi, chi vorrà,potrà incontrare il Festival nelle Università Fedrico II, Orientale e Suor Orsola Benincasaa Città della Scienza, al Pan, nel quartiere di Materdei  presso l’ex OPG occupato, a San Giovanni a Teduccio presso il teatro NEST, al Carcere femminile di Pozzuoli, all’ex Asilo Filangieri, all’Istituto Nitti di Bagnoli  o nel cuore di Napoli presso l’Accademia di Belle Arti che ospiterà le quattro serate di proiezioni del concorso cinematografico e un omaggio a figure di spicco del cinema d’impegno sociale come il regista argentino  Jorge Denti, con il suo “La Huella del dr. Guevara” e la film- maker brasiliana Iara Lee. La-huella-del-doctor-Ernesto-GuevaraChi vorrà potrà ascoltare ed interagire con testimoni italiani e di paesi lontani, come  due tra le principali attiviste indiane  dei diritti umani quali Ulka Mahjain e Roma Malik, oppure incontrare una protagonista della rivoluzione basagliana  del calibro di Assunta Signorelli; affacciarsi sul mondo poco conosciuto dell’Autismo; riflettere sull’ultimo genocidio del novecento consumato a Sebrenica, in compagnia del portavoce di Amnesty International  Riccardo Noury e dei redattori del preziosissimo Atlante dei Conflitti; ascoltare,  dalla viva voce di cronisti come Sandro Ruotolo e Attilio Bolzonidei pericoli cui anche nel nostro paese è esposto il diritto all’informazione. E poi ancora confrontarsi sul Diritto Migrante e su un  Mediterraneo sospeso tra conflitti e interventi umanitari oppure  conoscere dall’ex magistrato Livio Pepino le risultanze del processo su:”Diritti Fondamentali, Partecipazione delle Comunità Locali e Grandi Opere” istruito dal Tribunale Permanente dei Popoli, in Val di Susa. 

Dal 9 al 14 Novembre 2015,  noi del  Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli, con le nostre piccole forze, proveremo ad aprire gratuitamente queste ed altre finestre al servizio di popoli e comunità che percorrono il faticoso cammino della democrazia.                                                                

È poco? È molto? È Utile? Inutile?                                                                                                                    

Lo lasciamo decidere ai molti di questa città, che pur esistendo, talvolta, faticano anche a riconoscersi tra loro.

P.S. L’immagine simbolo scelta per questa edizione è uno scatto che ritrae, nel luglio scorso, giovani volontari turchi confluiti nella città di Soruc per portare aiuti alla  vicina città curda  di Kobane sul confine siriano, prima che un attentato esplosivo mietesse tra loro 33 vittime e numerosi feriti.

 

Chiunque fosse interessato, può consultare o scaricare il Programma integrale dell’VIII edizione del Festival Cinema e Diritti Umani di Napoli  sul sito: www.cinenapolidiritti.it

La redazione di “Cantolibre” darà ampia copertura all’evento

No commento

Lascia risposta

*

*