Monsanto-Bayer: un matrimonio di interesse che genera mostri

Il prezzo della transizione è da record: 66 miliardi di dollari in contanti

E’ di oggi la notizia di un matrimonio tra le due sponde dell’Atlantico: la tedesca Bayer industra leader della chimica si accoppia con l’americana Monsanto. Il prezzo della transizione è da record negli affari internazionali: la Bayer compra per la modica cifra di 66 miliardi di dollari in contanti, la più grande industria del mondo nell’agrobusiness. Certo non è semplice mettere uno sull’altro 66 miliardi di dollari, ma c’è chi può.

31clt1pezzosottomonsanto-heroMa a noi, poveri mortali che ce ne può fregare? Ci frega eccome, e frega ai nostri figli e a tutti quelli che sulla faccia del pianeta sono soliti mangiare. Per la prima volta nella storia dell’umanità il mercato delle sementi di grano, riso, mais etc è nelle mani di un solo padrone che può imporre i prezzi che vuole, che decide quanti milioni di esseri umani devono morire di fame, quali veleni devono essere sparsi per il mondo etc. E’ l’identica situazione del mercato nero nel dopoguerra. C’è chi ha la chiave delle riserve alimentari e ne fa quello che vuole pur di trarne profitti per se.

Non è una bella cosa, ma il capitalismo così funziona; non c’è nessuna autorità mondiale che può intervenire. L’unica cosa possibile è che gli affamati di tutto il mondo si ribellino e si approprino di quello che la terra produce per tutti i suoi figli.

Umberto Oreste Sinistra Anticapitalista

Biochimico attualmente in pensione. In passato ha lavorato presso istituti universitari e del CNR. Tra i suoi interessi scientifici l’evoluzione delle molecole immunitarie, l’adattamento degli animali marini alle variazioni ambientali. Ha collaborato con strutture di ricerca estere ed è autore di numerosi articoli su riviste scientifiche internazionali. Partecipa all’attività politica di Sinistra Anticapitalista.
No commento

Lascia risposta

*

*