Massa Critica: Pagano –Si a de Magistris per mandare a casa Renzi-

Vincere a Napoli non vuol dire battere Lettieri. Autonomia a Napoli. imporre l'anomalia Napoli

“Senza alcun dubbio, timore di sbagliare, e con convinzione domenica voterò al ballottaggio e mi auguro che molti dei  miei compagni mi seguano. Non solo voterò al ballottaggio, ma ho anche votato due domeniche fa”  così Giovanni Pagano di Zero81 e partecipante al cantiere  “Massa Critica

Per chi hai scelto di votare?

Ho votato per de Magistris Sindaco, ho preferito dare un voto e una preferenza chiara ad un Sindaco che in questo momento, e non solo a Napoli rappresenta qualcosa che va oltre il suo stesso incarico, il resto mi interessava poco

 Otre l’incarico?

Badate bene, c’è una sostanziale differenza tra battere Lettieri, che per noi è inesistente,  non lo consideriamo nemmeno avversario, e vincere a Napoli, vincere in questa città è tutt’altra cosa.

Che differenza c’è tra le due cose?

massa napoli1La differenza è che vincere a Napoli, e vincere bene, con un alta percentuale sarà il campanello d’allarme per Renzi, il mio e nostro obiettivo è che Renzi vada a casa al più presto, la vittoria di de Magistris può essere un acceleratore.

Potrebbe significare che de Magistris punta a Palazzo Chigi?

A me non farebbe piacere che de Magistris diventi Primo Ministro, e francamente neanche credo che lui pensi a una eventualità del genere, io voglio che lui faccia il Sindaco a Napoli.

In questi anni il Sindaco ha creato quella che si chiama “anomalia Napoli” la città a livello amministrativo va in controtendenza con le scelte di Renzi, inutile ricordare l’acqua pubblica, la camorra fuori dal palazzo, nessun licenziamento nella macchina comunale, e nessuno sgombero dalle strutture comunali. Mica siamo struzzi che mettono la testa sotto la sabbia, in effetti, il comunicato di Massa Critica su questo argomento è più che chiaro.

http://www.massacriticanapoli.org/2016/05/19/massa-critica-percorrendo-una-strada-nuova/

Ma in quel documento non si legge di votare per il Sindaco uscente.

Ma in quel documento non si legge neanche di non votarlo, allora spiego: noi siamo una serie di comunità che si rifà alla teoria delle assemblee dal basso, il nostro obiettivo è –decide la città-, e questo, chiamiamolo pure “marchio”, sta facendo strada in altre città, ci stiamo gemellando, organizzando, abbiamo aperto tavoli con i compagni di Barcellona, e anche di altre città italiane, a Napoli –decide la città– è qualcosa che già dura da tempo, la verità è che Napoli in questi anni è diventata un laboratorio, da tutte le parti d’Europa vengono in città e, studiano e cercano di capire cosa sta accadendo. come stiamo lavorando.

pagano massaIl nostro obiettivo principale è che de Magistris vinca con una forte percentuale, che so, 75-80 % e che si affossi definitivamente lo scippo di Bagnoli, quartiere dove a quanto pare il successo di de Magistris è stato “bulgaro” un motivo ci deve essere.

Come mai, visto che hai votato, non hai scelto una lista di Sinistra unita?

Perché credo che in questo Paese bisogna fare chiarezza sul termine -Sinistra-

Ma se cade Renzi voi pensate che arriverà qualcosa di meglio?

Quello che arriverà dopo Renzi troverà sul tavolo la –Anomalia Napoli– e per un po’ di tempo per quieto vivere ci lascerà in pace, e libererà Bagnoli dal furto che si sta facendo, questa è la cosa più importante!

Però coloro che definivano Giovanni Pagano, un duro e puro, astensionista senza se e ma, vederlo così accalorato per far eleggere il Sindaco è una cosa un po’ fuori ordinanza…

Ma io non sono sempre stato astensionista, de Magistris già l’ho votato, oggi, e parlo a titolo personale, ci sono gli estremi per votare, non per battere Lettieri, ma per vincere e mandare a casa Renzi.

In verità non sono neanche tanto “accalorato” con Massa Critica continuerò le nostre battaglie di civiltà, stamattina ero sotto al Comune con i disoccupati, domani mi occuperò di case occupate, dobbiamo avere gli occhi e le orecchie bene aperte sul percorso del –reddito minimo garantito-, noi abbiamo tante cose da fare, farle con questo Sindaco ammettiamo che i nostri compiti più sono più semplici.

La chiave di questa tornata elettorale per noi è Bagnoli e Renzi, a me non interessa nulla oltre l’elezione forte del Sindaco, non ci piacciono alcuni eletti, e come non ci abbiamo avuto niente a che fare prima continueremo a comportarci così, non ci interessano gli Assessori e i classici giochi della politica, noi siamo fuori da queste logiche, a me, e spero molti di quelli che la pensano come me, interessa esclusivamente la vittoria del Sindaco, lo ripeterò fino alla noia, con la nostra vittoria a Napoli Renzi prepara le valigie, con una vittoria forte, va a casa, basta tutto qui.

Ma poniamo per fantapolitica, che a Massa Critica venisse proposto un Assessorato, magari ai beni comuni o al patrimonio, voi come reagireste?

massa 3E come dovremmo reagire? alla nostra maniera, apriremo le assemblee e decideremo, mi auguro non a maggioranza, finora nelle assemblee di Massa Critica non   si è mai votato.

Che succederà nei prossimi 5 anni con de Magistris?

Accadrà che faremo un piccolo passo avanti per rimarcare le differenze che ci sono tra Napoli e il Paese, puntiamo alla –autonomia–  come già accade in altre città italiane o mediterranee, penso alla Catalogna.

Poniamo che gran parte delle tasse restassero in città si potrebbero fare tanti discorsi diversi, a partire dal reperimento dei soldi per il reddito minimo garantito, per fare un trasporto più efficiente e per riparare le ormai famose “buche” sul manto stradale.

Se poi altre città vorranno seguire il nostro esempio di “decide la città” allora saremmo più felici, sono le basi per cambiare la faccia a questo Paese, non un mercato, ma per dargli una faccia più umanista

Un commento

Lascia risposta

*

*

  • Fernando Leeper
    23 marzo 2018 at 11:53 - Reply

    drag the songs