Ma perché Trump?

Ha utilizzato un linguaggio semplice, diretto, da ignorante a ignoranti

Non parliamo della persona, di quello che ha fatto e di cosa rappresenta; guardiamo cosa ha detto e consideriamo che probabilmente in qualsiasi parte del mondo (democratico) tra due candidati “antipatici” avrebbe vinto quello che parlava in modo diretto, semplice, da “ignorante” a “ignoranti”  che enunciava problemi reali e gli elettori hanno visto in lui un’ancora di salvezza…
Tra qualche anno uno cosi’ vincerà’ anche in Italia, promettendo di ridare il lavoro a tutti quelli che lo hanno perso grazie alla globalizzazione che consente alle multinazionali di produrre in paesi poveri a costi irrisori, dove i lavoratori non hanno alcuna tutela, dove vengono impiegati anche bambini, dove si rasenta(per modo di dire) la schiavitu‘…

Questi prodotti vengono poi venduti nei paesi ricchi e i guadagni non sono neppure tassati giustamente perché’ le residenze fiscali delle multinazionali allignano spesso dove si paga poco o niente; posti dove sovente le leggi fiscali sono disegnate su misura per la multinazionale di turno; ne sa qualcosa il nostro grande moralizzatore Juncker, quando era premier nel Granducato di Lussemburgo ha concluso 550 accordi fiscali con aziende clienti di PWC(nota societa’ di consulenza) che trasferendo i profitti nel piccolo,ma ricchissimo staterello pagano aliquote fiscali inferiori all’1%.

Noi italiani non siamo certamente degli “stinchi di santo” fiscalmente parlando e spesso siamo giustamente bacchettati; ma abbiamo molto da imparare da questi prestigiatori della morale che escono sempre alteri, immacolati,inossidabili a qualsiasi scandalo,onnipotenti e sempre inamovibili nella loro magnificenza.

olivettiSe in Italia i prodotti che vengono dall’estero fossero tassati pesantemente, come dice Trump per gli USA, le nostre industrie morte risorgerebbero e tornerebbero competitive perché’ la concorrenza non sarebbe unicamente sul prezzo determinato dalla manodopera a basso costo e le migliaia di operai italiani che hanno perso il lavoro potrebbero riacquistare dignità‘ e avere una visione positiva del futuro che sfocerebbe in giovani famiglie con figli con un futuro non più’ fosco come oggi.

Non sappiamo cosa farà’ veramente Trump per risolvere i problemi di coloro che lo hanno votato; in democrazia vince chi raccoglie più’ voti e Donald Trump ha vinto perché’ la maggioranza lo ha preferito alla moglie di un ex-presidente contro il quale sicuramente avrebbe perso…
Tra qualche anno anche noi avremo il nostro Trump…non siamo ancora pronti, per ora riusciamo ancora a resistere…per quanto tempo ancora?

No commento

Lascia risposta

*

*