Le conseguenze della globalizzazione

Hitachi compra Ansaldo Breda e Ansaldo Sts

Viene presentata come una cosa positiva, utile all’Italia, ai lavoratori, allo sviluppo dell’azienda…
Povera Italia, e’ tornata ad essere terra di conquista, i pezzi migliori se ne vanno, sembra di assistere alla calata dei Longobardi, quando la penisola era a disposizione dello straniero e solo la Chiesa Romana, inutile dirlo, riusciva a conservare un potere militare e contrattuale.
lombard-rideTorniamo ai tempi nostri, dunque, Finmeccanica cede a Hitachi Ansaldo Breda e Andaldo Sts, l’operazione era in atto da qualche tempo ed i giapponesi(hitachi) hanno prevalso su altri pretendenti cinesi(Insigma) e americani(General Electric); come in altri casi simili, tutti benedicono l’operazione e si dicono soddisfatti i vari Moretti(a.d. Finmeccanica) Alistair Dormar(a.d.Hitachi)Guidi (Min.Sviluppo) e Padoan(Min.Economia)i sindacati timidamente manifestano scetticismo ininfluente e solamente la Fiom (ultimo baluardo) prende una posizione nettamente contraria.
Hitachi, dice Finmeccanica, garantisce il miglior futuro possibile ad aziende e dipendenti…ma come e’ andata a finire negli ultimi decenni?
La societa’ che compra viene presentata come il cavaliere bianco che accorre a salvare la dama in pericolo; poi ci sono le dichiarazioni di quelli che contano e immancabilmente promettono, si impegnano in prima persona, esprimono soddisfazione per il buon esito dell’operazione e sono fiduciosi sui futuri sviluppi positivi conseguenti ricadute…etc.etc.

globalizzazioneQuante aziende italiane sono state acquisite e poi sono lentamente scomparse senza il minimo intervento da parte dello Stato?
GELOSO-AUTOVOX-MINERVA-MAGNADYNE-IRRADIO-MARELLI-SELECO-ULTRAVOX-BRIONVEGA-SINUDYNE-INDUSTRIE FORMENTI e l’eroica MIVAR…tutti marchi scomparsi e quelli che esistono ancora, Nuovo Pignone(General Electric) Conserve Italia(Mitsubishi)Lamborghini,Ducati,Italdesign Giugiaro(tutti Volkswagen) e tutta la grande distribuzione in mano ai francesi (GS-Standa-Coin-Rinascente),le banche (BNL-Cariparma), la moda (Loro Piana-Gucci-Ferre’-Bulgari) e anche Telecom, oggi contesa tra due francesi sul mercato borsistico a Milano( che non e’ piu’ italiano come tutti ricorderanno).

Un elenco infinito, perche’ esiste la “globalizzazione” e il libero mercato; ma solo se siamo terra di conquista, ci bacchettano in Europa se non ci mettiamo a disposizione, se non siamo disponibili. Lo stato francese e tedesco, oltre ad aiutare le imprese nazionali, difendono in ogni modo possibile i loro campioni da possibili acquisizioni non gradite, vedi Opel,Continental in Germania e cosa accadde in Francia quando Agnelli tento’ di prendere le acque minerali francesi?

Noi abbiamo la porta della nostra casa spalancata e ognuno entra a prendere quello che vuole; invece troviamo porte sbarrate se cerchiamo di entrare in casa dei vicini. Questa e’ l’amara realta’ per nostra incapacita’, per la corruzione dei nostri politici, perche’ siamo un popolo di individualisti ed anche e soprattutto perche’ quando ci sono dei connazionali illuminati e geniali che si impegnano in prima persona per il bene dell’Italia, Enrico Mattei,Adriano Olivetti,Mario Tchou,tanto per fare qualche nome, ritenuti “pericolosi” da qualche potenza straniera, questi grandi uomini sono “sfortunatamente” diventati vittime di eventi nefasti, alcuni di sospetta e provata origine dolosa.
Sono gli uomini che fanno la storia e costruiscono il destino delle nazioni, a noi sono state tolte le menti piu’ capaci e costruttive, altre sono svanite nel nulla (Maiorana-Caffe’), altre utilizzate da potenze straniere per scopi bellici(Fermi). Quelli che ci sono rimasti, salvo rare eccezioni, hanno pilotato e pilotano la decadenza in cui stiamo sprofondando; si sta realizzando un progetto nato da lontano, quanti stati in Africa,Asia,America latina sono stati ridotti alla miseria scientemente mettendo al potere classi dirigenti corrotte ed incapaci?

globalizzazione2La multinazionale acquisisce la preda, inizialmente lascia il marchio per non traumatizzare la clientela, poi progressivamente introduce merce dall’estero e abbassa i prezzi ai fornitori italiani che automaticamente vanno in crisi; a questo punto il gioco e’ fatto, sugli scaffali continuano a esserci prodotti di marchio italiano che contengono roba di scarsa qualita. Le condizioni di lavoro peggiorano, i contratti pure, le tutele per la salute dei consumatori scompaiono; tutto in nome del profitto, olio di palma nella cioccolata, formaggi con latte in polvere trattato chimicamente e di dubbia provenienza, carne colorata con additivi di animali alimentati con estrogeni ed antibiotici, vestiti trattati con prodotti tossici…ci avvelenano lentamente e consapevolmente.
Vogliamo parlare di quello che si sono presi e si prendono nel mondo dell’arte e archeologia?
Non facciamoci altro male…

No commento

Lascia risposta

*

*