La Tienanmen italiana degli anni 40

Il cineforum del GRIDAS rende omaggio alla memoria di Maria Occhipinti

Domani 28 Ottobre alle 18,00 il cineforum del GRIDAS, “tempio-museo” dell’arte di Felice Pignataro, propone “Con quella faccia da Straniera. Il viaggio di Maria Occhipinti”, un film con la regia di Luca Scivoletto.

Un omaggio al ricordo di uno dei simboli di riscatto sociale e di emancipazione femminile più forti dell’Italia negli ultimi sessanta anni, così come è toccato a tanti altri, anche lei caduta nel dimenticatoio della cattiva coscienza di questo paese.
La memoria di Maria Occhipinti (1921-1996), comunista poi anarchica, femminista e pacifista, è legata soprattutto al movimento ragusano denominato  “non si parte”, nato in Sicilia nel 1945 in seguito alla nuova leva obbligatoria.

Maria si rese protagonista di un gesto eroico quando, pur essendo al quinto mese di gravidanza, non esitò a stendersi lungo il selciato sotto le ruote dei camion per impedire che portassero via i giovani ragusani renitenti alla leva.
maria-occhipintiPer quel suo gesto venne arrestata, finì in carcere e confinata a Ustica, immessa negli schedari della polizia come SOVVERSIVA.

Ripudiata dalla famiglia e dal Partito Comunista, lasciò poi la sua terra, ed insieme alla figlia cominciò a girare il mondo, Napoli, Ravenna, Svizzera, Francia, Inghilterra, Marocco,USA, Hawaii e Messico. Per sopravvivere ha fatto  la bambinaia, sarta, pellicciaia, ha saldato persino le corde delle navi. Ritornò in Italia e nella sua Sicilia molti anni dopo, quando ormai anziana pronunciò il suo ultimo discorso pubblico nel 1987 a Comiso, durante la storica manifestazione contro l’installazione missilistica.

Rievocando gli anni della Liberazione fatalmente si fa riferimento soprattutto alla lotta partigiana, alle azioni militari che dall’8 settembre ’43, grazie alle quali dopo due anni di resistenza armata e civile, venne sconfitto il nazifascismo. Vicende molto diversificate da Regione a Regione, da città a città.  La Sicilia “sconta” il fatto di essere stata “liberata” molto tempo prima rispetto alle altre regioni d’Italia, a causa dello sbarco degli alleati avvenuto nel 1943 e la loro occupazione dell’intera isola.

maria-occhipinti3Per questo motivo in Sicilia non ci furono stragi da parte dei tedeschi, o il collaborazionismo dei repubblichini, e nemmeno un movimento di resistenza. Si sviluppò però un movimento di rivolta di insurrezione antimilitarista, confinato dagli storici a fenomeni localistici, senza rilevanza nazionale, il più noto fu appunto la rivolta dei “Non si parte” nato nel ragusano. Manifestazioni e sommosse per evitare l’arruolamento dei giovani nell’esercito regio, impegnato nella liberazione dell’Italia continentale.

Un fenomeno largamente incompreso fino ad essere etichettato come filo fascista, reazionario e separatista. Di fatto fu espressione di uno spontaneo antimilitarismo da parte di una popolazione stanca, a cui era stato chiesto di sacrificare nuovamente i propri figli alla guerra e le proprie fatiche al Paese cambiando però scopo e nemico, ribaltando quello che le era stato detto fino a quel momento.                                                                                          La popolazione aveva totalmente perso la fiducia nei ranghi dirigenti, e l’obbligo di leva venne interpretato come un ulteriore sopruso che privava nuovamente le famiglie dei propri cari e la terra di braccia giovani e forti.

IL GRIDAS NON SI TOCCA!

gridas

 

 

 

 

 

 

 

Umberto Laperuta

LabManager Dipartimento di Biologia della Federico II. Presidente ODV "Noi&Piscinola", compagni di viaggio del Teatro Area Nord. Tutta la mia passione a sostegno del TAN, terzo teatro comunale di Napoli, unico centro culturale in tutta l'Area Nord della città. Aspettando i tempi della politica, intendiamo contribuire ad unire la città ed i suoi quartieri attraverso la promozione culturale ed artistica, pur consapevoli che: "Ad ogni problema complesso corrisponde una soluzione semplice..... ma è quasi sempre quella sbagliata!!
No commento

Lascia risposta

*

*