LA SOLIDARIETA’ CONCRETA

LETTERA APERTA AI CITTADINI DI NAPOLINSIEME: COME AIUTARE CHI HA BISOGNO

Riceviamo e volentieri pubblichiamo: Salvatore D’Amico

Un progetto di cambiamento, partendo dalla solidarietà concreta Operativi dal dicembre 2014 con una decina di volontari siamo via via diventati sempre più numerosi e intenzionati a proseguire ed ampliare la nostra attività di solidarietà. Abbiamo deciso di costituirci in una Associazione, aconfessionale e apartitica, totalmente autofinanziata, il giorno 24 aprile 2015.

Usciamo due volte a settimana, il martedi’ e il giovedi’, per distribuire cibo e vestiario ai senza fissa dimora, italiani e immigrati.

Aiutiamo, inoltre, persone che vivono in grave disagio economico. Nel 2015 abbiamo distribuito oltre 11.000 pasti e quantità incredibili di vestiario. Nei primi 4 mesi del 2016 abbiamo distribuito 6.901 pasti e tantissimo vestiario. Al momento circa un centinaio di persone ruotano intorno alla nostra iniziativa di solidarietà.

cloch 1Con il tempo e l’esperienza maturata sul campo siamo diventati sempre più consapevoli del fatto che distribuire cibo e vestiario è solo un elemento della questione: i bisogni di queste persone derelitte sono molto più complessi; c’è bisogno di locali dove fare una doccia, di assistenza medica e psicologica, di una possibilità concreta di reinserimento nel tessuto sociale, ma soprattutto di un posto dove dormire al coperto.

Stiamo attualmente lavorando per creare un ambulatorio medico aperto a tutti gratuitamente. Siamo consapevoli di non poterci sostituire ai soggetti istituzionali preposti, né tanto meno lo vogliamo, ma invece di aspettare chissà cosa abbiamo preferito impegnarci in prima persona con lo scopo, anche, di mobilitare le coscienze delle persone sane e non più disposte a permettere, con la loro indifferenza, che donne, vecchi, bambini, esseri umani vivano per strada o tra gli stenti. Intendiamo lavorare a un progetto di cambiamento reale , al di là di logiche esclusivamente ‘caritative’ e per questo stiamo cercando e trovando alleanze.

Al momento è organicamente con noi in questo progetto di lotta alla povertà il Comitato San Martino. Altre realtà, da noi sollecitate, hanno risposto creando dei centri di raccolta e distribuzione di vestiario alle fasce disagiate: è il caso di Santa Fede Liberata, dell’ex-OPG je so pazzo, dello Scugnizzo Liberato.

cloch2Lo sportello di salute mentale ( presso il centro sociale Banchi Nuovi) ci ha dato la sua disponibilità tutti i venerdi’ pomeriggio. Da metà febbraio a metà aprile 2016, in collaborazione con l’Asilo Filangieri e Santa Fede Liberata, abbiamo portato avanti un progetto di accoglienza per 11 senza fissa dimora, caso finora unico nel panorama napoletano, assicurando loro un tetto, una mensa, un percorso di integrazione. Per noi sono dei primi passi verso la costruzione di una rete che potrebbe portare a un modello alternativo di società basata sulla solidarietà e la giustizia sociale.

Una società costruita dal basso, attenta ai bisogni di tutti, lontana da logiche di sfruttamento, una società attenta ai valori umani. Il nostro obiettivo è quello di creare 10, 100, 1000 ‘focolai’ che possano portare nel tempo alla nascita di tanti centri dove ci siano mense popolari, corsi d’italiano per immigrati, punti di raccolta di vestiario, medicinali, derrate alimentari da distribuire a chiunque ne abbia bisogno, ambulatori popolari, sportelli di ascolto formati da psicologi, assistenti sociali, avvocati, educatori… E, naturalmente, fare pressione in modo organizzato, su tutti i soggetti, istituzionali e non, laici e religiosi, la cui azione si dimostri inadeguata e/o insufficiente.

A tale scopo stiamo lavorando ad organizzare una marcia cittadina contro la povertà da tenere in autunno, sperando di unire, per una volta, tutti. Chi vuole saperne di più troverà tutte le informazioni sul gruppo facebook: volontari napolinsieme – o puo’ farci una visita presso la nostra (minuscola) sede di Vico Tarsia 4 tutti i martedi’ e i giovedi’ dalle 17.30 alle 20. (maggio 2016)

Per ulteriori informazioni rivolgersi a Salvatore al 3474928286

 

Si ringrazia Ferdinando Kaiser per il corredo fotografico

No commento

Lascia risposta

*

*