La malacarne

Come non bastassero le sigarette e l’aria che si respira è giunto il momento della carne, fanno festa i vegani. la Gymkhana della vita

Suscita scalpore l’allarme del OMS a proposito delle carni rosse che sarebbero cancerogene.

Ogni giorno combattiamo con a fianco il male del secolo, il cancro, vediamo com’è la giornata tipo di un qualsiasi cittadino che ogni giorno lotta contro il cancro.

Già dai primi gesti comincia la battaglia contro il male, attenzione ai saponi per viso e capelli e i detersivi con cui laviamo i vestiti, alcuni possono essere pericolosi per la salute. Una serie di telefonate con il cellulare alla mamma, al compare o con chi hai appuntamento può accorciare la vita di qualche mese o essere la causa della goccia che fa traboccare il vaso.

Usciamo di casa e la prima boccata d’aria contiene cellule che provocano il cancro.

Benzene, gas, e tutto ciò che proviene dai tubi di scappamento delle auto per non parlare degli scarichi industriali che navigano nell’aria

Alle dieci del mattino siamo più o meno alla seconda o terza sigaretta, poco importa se fumiamo noi o chi ci passa accanto.

Alle 11 circa lo spuntino di metà mattina, panino al prosciutto o al salame, contiene il nitrito di sodio, pericoloso per la salute, provoca il cancro, ovvero può uccidere al pari delle sigarette.

Dopo lo spuntino incontriamo un amico, è obbligatorio recarsi al bar per il caffè, la stragrande maggioranza preferisce zuccherarlo, ebbene si sappia che il consumo di zucchero, soprattutto quello bianco crea dipendenza e provoca l’aumento dell’insulina e della glicemia, causando l’insorgere del diabete e di conseguenza aumenta il rischio di cancro.

C’è chi prende insieme al caffè l’immancabile dolcetto, cornetto, brioche, o simili, anche questo fa malissimo, come lo zucchero aumenta le possibilità di scoprire un giorno di avere il cancro, fuorilegge le graffe, sopratutto quelle imbustate e piene di conservanti.

Alle 13 il pranzo, in quel momento il combattimento contro il male più perfido diventa terribile, la carne rossa, soprattutto se cotta alla brace provoca il cancro, una bistecca leggermente abbrustolita è l’equivalente di 600 sigarette. stesso dicasi per il ragù e tutte le salse combinate con il muscolo di manzo o maiale, amatriciana? Terribile, carbonara? Peggio, polpette fritte e bruciacchiate?  Meglio tornare in ufficio!

Verso le 14 si ritorna in strada, boccate di anidride carbonica e residui di gas, benzina e diesel aumentano i rischi di stare un giorno malissimo.

Passiamo attraverso cumuli nascosti di amianto e materiali nocivi, anche l’acqua spesso conserva il male oscuro attraverso particelle deviate, l’arsenico soprattutto.

Alle 16 continuiamo a imbottirci di fumo di tabacco e automobili che spruzzano maleodoranti odori che causano rischi di tumori. Passiamo avanti centraline elettriche e ripetitori telefonici, allora è la leucemia ad essere in agguato.

Alle 17 non riusciamo a essere indifferenti di fronte una bella pizzetta o focaccia, la farina bianca non possiede nessun valore nutritivo e ha un impatto furioso contro la salute di ognuno di noi.

In un momento di relax e credendo di essere salutisti beviamo un bel succo di frutta, errore grave, nella maggior parte dei succhi di frutta c’è lo sciroppo di mais, anch’esso gravemente nocivo per la salute, può causare il cancro.

Verso le 19 prepariamo la cena, se ci sentiamo un po’ spossati o in principio di influenza non c’è nulla di meglio di un bel brodo di dado, (quello di carne rossa secondo il nuovo manuale è da evitare) la soluzione è terribile, il dado, contiene gli stessi conservanti di affettati di maiale, considerati come carni rosse, il rischio è grande.
vegano1Comincia la serata di relax e lontano dai rischi del tumore, si, la serata prevede televisione o musica o una buona lettura, poi a letto, sono i pochi momenti della giornata che non siamo costretti a fare Gymkhana tra tumori, diabete, leucemia e chissà che altro.

Si va a dormire, quasi certamente e, fino a nuovo contrordine, il sonno e il sesso non sono dannosi per la salute, tra poche ore ricomincia la lotta per la vita a meno che non si scelga di cambiare tutto, diventare vegetariani o ancora meglio vegani, ma l’aria della città è sempre in attesa che respiri…

No commento

Lascia risposta

*

*