Il Secchio

Un racconto di Carlo Di cristo
La nostra vita è come un secchio di latta. Quando é vuoto, è come indifeso. Ogni urto lo fa suonare.
Un suono terribile, tremante, irrequieto, ghiacciato. Ogni goccia di acqua che ci cade dentro, tuttavia, scandisce la propria voce, lascia il segno. Ogni goccia è un attimo che ognuno vive, è un moto nell’animo.
E goccia dopo goccia, attimo dopo attimo, quel suono pauroso scompare, si affievolisce, si attutisce. E la vita prende forma. E le sensazioni, le emozioni, le paure, i sentimenti, prendono forma, riempiono la vita. E ognuno prende coscienza della pienezza della propria vita. Ogni goccia è un momento che ognuno vive, bello o brutto. Ogni goccia riempie la vita. E quelle gocce smorzano quell’ assurdo suono, man mano lo spengono, lo zittiscono.
Le nostre azioni, i nostri pensieri, le nostre voglie, le nostre paure, le nostre debolezze, sono quelle gocce d’acqua che bloccano il tremore di quel gelido metallo, di quell’involucro rigido che sa solo rimbombare e far tremare l’anima.
Riempiendoci conosciamo la vita, conosciamo l’acqua che goccia dopo goccia ci riempie e ci fa ciò che siamo.
Il secchio però ha un limite: per quanto si possa volere, e chi crede nella vita e nell’amore vuole SEMPRE, si corre sempre il rischio di riempirlo troppo o troppo poco. E, purtroppo, in entrambi i casi, è un dolore per la nostra vita.
1269289521L’incompiutezza lascia lo spazio al maledetto suono. L’eccesso alimenta la terra che aridamente e avidamente aspetta l’amore che volevamo tenerci e che non possiamo trattenere. Nel secchio si mette e dal secchio si beve. Nella vita si prende e la vita si da. Un gioco sottile tra il secchio e l’acqua.Ogni goccia non messa o gettata sarà un momento di vita perso, un attimo gettato al freddo.
La vita è come un secchio di latta. Va capita, va conosciuta, va trattata per quello che è, e va riempita al giusto. E va preservata.
E, come quando buchi il secchio, che comincia a perdere acqua, così i dolori e i dispiaceri nella vita ti fanno perdere quelle gocce di emozione che hanno creato la tua vita. E il secchio si svuota. E la vita si perde tutta la vita. E ritorna quel suono orrendo, ritorna il rimbombo, ritorna quel continuo tremare del secchio. Ritorna quel metallo vibrante che lacrima gocce di vita.
E tutto ció si ferma solo quando una mano forte stringe con rabbia la fredda latta del secchio.
E tutto, come d’incanto, finisce. Le gocce, il suono, la vita. E tutto finisce.
Il silenzio dell’anima è eterno e qualunque urto non potrà più scuotermi.
No commento

Lascia risposta

*

*