Il miracolo di Santa Fede

Importante confronto tra istituzioni e antagonisti in città. Le due parti non fanno l’amore ma neanche la guerra. Il concerto del Maestro Pandolfi. Diario della giornata

“Quando una giornata finisce con questi risultati c’è da essere soddisfatti, il nostro giornale da Maggio a oggi ha guadagnato la stima delle parti che vogliamo mettere a confronto, le istituzioni e le realtà di movimento. Esserci riusciti è per noi grande soddisfazione, la redazione, i miei collaboratori io stessa siamo riusciti nel nostro intento, ricevere l’attenzione di tutti, a questo punto non ci conviene fare altro che continuare”. Così ha detto alle due del mattino prima di tornare a casa la direttrice di CantoLibre Federica Frascogna, per una sera elegante oltre che nei modi anche nel vestire.

Diario della giornata.

santafede buonoÈ una serata dal tempo buono che favorisce anche la partecipazione di pubblico, notevole oltre le più rosee previsioni. La giornata per CantoLibre è cominciata alle otto quando si viene e a sapere che in conseguenza dei fatti di Parigi forse il Sindaco non sarebbe venuto al forum per esprimere la vicinanza della città al popolo francese, la redazione si interroga se sospendere o meno la manifestazione per i fatti di Parigi, ma alla fine, a mezzogiorno si decide di andare avanti, se il Sindaco non verrà ci sarà solo una voce autorevole in meno, nulla di più nulla di meno, la redazione decide di andare avanti come nulla fosse cambiato.

Alle 17 l’emiciclo di Santa Fede è pronto, gli strumentisti fanno le ultime prove del suono, ottimo il servizio mixer, mai un fischio durante tutta la manifestazione, forse è un record.

Come nel film di Capra “angeli con la pistola” gli ospiti arrivano tutti insieme, si avverte un po’ di tensione nell’aria, alcune realtà di movimento schierate alla sinistra dell’ingresso, stretti a parlare tra loro, il Sindaco Luigi de Magistris e i suoi collaboratori e aficinados vicino il banco di CantoLibre, per onor di cronaca va detto che il Primo cittadino ha anche versato un apprezzabile contributo al giornale, è stato ricambiato con frittata di pasta e vino di Montepulciano. La sorpresa al suo arrivo è stata tanta, la redazione era ormai rassegnata alla sua assenza. É significativa, anche se non è la prima, volta che il Sindaco della città varca i confini di un centro liberato, in altre città i Sindaci chiamano prefetti e questori per procedere agli sgomberi, non sapendo neanche che attività si svolgono in luoghi come questi.

Ma le avvisaglie di una sua partecipazione ci erano state anticipate una mezz’ora prima dal Presidente della V Municipalità Mario Coppeto che ci aveva tranquillizzati “il Sindaco sta venendo, eravamo insieme al Consolato francese, so che sta arrivando”. Il Presidentissimo del Vomero ha quindi seguito le fasi iniziali del dibattito e spendendo parole positive per il forum e il giornale. Al dibattito è stato presente anche il consigliere della V Municipalità Daniele Quatrano.

Nel camerino delle cucine di Santa Fede liberata la direttrice Frascogna e Valentina dell’Aversano di SantaFede stabiliscono la scaletta degli interventi, per non dare vantaggi a nessuno si procede con i bussolotti, testa di serie Santa Fede che parlerà prima per senso di ospitalità. Il caso ha voluto che ad aprire fosse Zero81 e gli ultimi l’OPG occupato, giusto a metà scaletta gli interventi del Sindaco e dell’Assessore Piscopo, unico assente l’Assessore Daniele. Visto che c’erano tutti il forum è cominciato con dieci minuti di anticipo rispetto al programma, alle 18 e 20, anche questo il segno dei tempi che, anche a Napoli soprattutto per quanto riguarda gli orari, sono cambiati.

napoli scontriRaffaele Paura, di Santa Fede apre il forum chiedendo un gesto di solidarietà all’assemblea per i ragazzi malmenati dalla polizia il giorno precedente alla manifestazione contro “la buona scuola di Renzi”, l’assemblea risponde subito con un lungo applauso, gli interventi si sono succeduti tutti in un pacato rispetto, mai una voce si è accavallata ad un’altra, mai un intervento è stato interrotto o contestato, Raffaele ha inoltre chiesto al Sindaco chiarezza per il comportamento dell’ABCsappiamo di anziani ai quali è stato minacciato il taglio della fornitura se non pagheranno le bollette”.

Il succo della serata si potrebbe riassumere nelle parole di Giovanni Pagano di Zero81, che ha anche ironizzato sul fatto di sentirsi a Santa Fede di casa in quanto a quattro passi da Zero81, e che si augura che la gestione dell’utilizzo dei beni comuni venga stabilito in tavoli come questi, “il primo che si fa in città”, ha aggiunto. Pagano ha continuato “il solo fatto che siamo qua è la dimostrazione che nonostante tutte le cose che l’amministrazione non ha ottemperato ha da noi credibilità. Abbiamo voglia di confrontarci, tutti insieme e non separatamente e di arrivare a risultati soddisfacenti”. Sono da segnalare gli interventi molto concreti e lucidi del Lido Pola e del Comitato Officine Periferiche, applaudita anche la chiusura del dibattito da parte dei rappresentanti dell’OPG, le richieste più o meno sulla stessa combinazione, bene comune, bene di tutti, cosa fare e sopratutto come fare. Un Applauso particolare e più caloroso per Chiara  dell’Ex Asilo Filangieri, recentemente più volte danneggiati da raid cui ancora non è venuto alla luce il perché e i responsabili, a Chiara va un’encomio e ringraziamento particolare, è venuta da Roma apposta per il Forum, grazie.

santafede di stasioA queste parole il Sindaco ha ribattuto ricordando che il Comune è in causa contro lo Stato proprio per mancati contributi per l’acqua e ha smentito che si effettueranno tagli a privati in difficoltà.

Il Sindaco ha concluso il suo intervento affermando “dobbiamo fare un percorso comune, consapevoli delle nostre differenze e in autonomia rispettosi dei nostri distinguo“.

Gli interventi si sono susseguiti tutti in perfetto orario e solo un po’ di malumore quando ha parlato il Consigliere De Stasio della seconda Munipalità, Giovanni Pagano ironico si è chiesto alla di Pietroma questo che ci azzecca con i beni comuni”?  una piccola contestazione, nulla di più. Il consigliere De Stasio ha ribadito l’importante ruolo della seconda Municipalità sulla questione dei beni comuni, sempre disposta ad ascoltare le loro ragioni, sempre contrari a qualsiasi tipo di sgombero.

La giornata è stata di lavoro, nè una partecipazione elettorale, nè una piazza di visibilità o la ricerca di applausi, basta pensare che  il gruppo “nata città” ha rinunciato all’intervento perché tanto era stato detto tutto e non c’era nulla da aggiungere! Una giornata di discussioni e di promesse per continuare a farlo.

Finito il dibattito c’è stata una pausa per consentire un po’ di svago tra bar e ristorante, quindi si sono abbassate le luci in uno scenario da fiaba SantaFede si è illuminata di rosso, il jazz di Sandro Pandolfi (cui parliamo in altra parte del giornale) ha preso il sopravvento sulle promesse e buone intenzioni dette precedentemente. Il concerto è stato molto apprezzato, il Sindaco ha anche voluto una copia dell’ultimo cd del Maestro “Dieci Decimi”.pandojazz

Oltre mezzanotte tutto è finito, ma molta parte del pubblico è voluta restare sin oltre le due, per parlare ridere e scherzare, una giornata fatta di tante condivisioni, di politica, musica e tempo libero, soprattutto questo è Santa Fede.

È di obbligo spendere due parole a coloro che ci hanno aiutato per la riuscita di questo convegno, l’Assemblea di Santa Fede che ha regalato lo spazio, Giovanni Pagano, Cesare di Transo e Giuseppe Sbrescia per l’aiuto dato per la partecipazione al forum delle diverse parti, alle Segreterie del Sindaco e degli Assessori Piscopo e Daniele, e a tutti coloro che sono venuti e hanno anche lasciato un contributo del quale abbiamo bisogno.

Grazie

Un commento

Lascia risposta

*

*

  • Gli occhi di Lettieri sull’Ex Asilo
    12 dicembre 2015 at 2:05 - Reply