‘Identità Italiana’, libro di Anna Mahjar-Barducci

Quarto libro per Anna Mahjar-Barducci, l'ambiente quello a lei preferito, raconti di immigrazioni, inclusioni e difesa delle tradizioni cultuali. Un raccoto sui figli italiani, di tutte le razze e etnie

L’Italia Messa Davanti Ad Una Continua Ridefinizione Della Propria Identità. ‘Identità Italiana’, libro di Anna Mahjar-Barducci

E’ uscito il libro “Identità Italiana” (Ed. Melagrana) di Anna Mahjar-Barducci, con prefazione di Gianni Cuperlo e postfazione di Geppi Rippa, ex segretario del Partito Radicale.

Il libro, che tratta il tema attuale delle migrazioni e dell’integrazone, è sia una raccolta di poesie sia un saggio sul significato dell’identità italiana, che prende spunto da una riflessione personale dell’autrice sulla propria identità.

“[…] ho una sola identità, molteplici culture. Non sono una contraddizione, ma un individuo, che bilancia elementi diversi,”scrive Anna Mahjar-Barducci, italo-marocchina, nata a Viareggio, con papà fiorentino, mamma marocchina e marito israeliano. La madre è musulmana, il padre è cristiano e il marito è ebreo.

Anna Mahjar-Barducci è italiana, ricca di consapevolezza e orgoglio, senza orpelli ideologici ma determinata nei suoi valori umani, quei diritti della persona, dell’individuo, che sono irrinunciabili e in parte ancora da conquistare.

Identità Italiana” racconta i figli dell’Italia di oggi, che hanno diversi colori, professano diverse religioni e sono multilingue. Alcuni di loro hanno entrambi i genitori italiani, un genitore italiano e uno straniero, altri hanno entrambi i genitori stranieri. L’Italia è pertanto messa davanti ad una continua ridefinizione della propria identità, cercando di mantenere al contempo le proprie tradizioni culturali, frutto di una storia millenaria.

Gianni Cuperlo scrive nella prefazione: “Le pagine che tenete tra le mani sono testimonianza di questo.Del bisogno di raccontare un flusso di convinzioni e immagini nel solo modo possibile per chi tutto ciò ha vissuto. Con questi versi.

Dove l’identità, la certezza di essere quel che si è, una donna con radici molteplici ma compresa per intero nell’idea di un sé aperto agli altri, diventa la via per emancipare altre e altri. A partire da chi non capisce che noi, tutti noi, siamo figlie e figli della mescolanza. Un grande storico francese molto tempo fa ha parlato della civiltà europea come di una’frammistione di sangui’. Lui ne ragionava all’indomani della  peggiore carneficina del ‘900.Anna Mahjar-Barducci lo fa in un contesto diverso, ma nel suoracconto vi è tutta la potenza di una umanità che non rinunciaa dirsi, declinarsi.”

L’autrice ricorda ancora che i figli dell’Italia sono anche i milioni di Italiani residenti all’estero, spesso dimenticati dal nostro Paese, nonostante costituiscano un patrimonio prezioso e una risorsa importante per il soft power dell’Italia.

“Identità Italiana” è un manifesto peruna società aperta e pluralistica, contro il fanatismo del ghettoidentitario.

Questo è il quarto libro dell’autrice. Anna Mahjar-Barducci è autrice di “Italo Marocchina. Storie di immigrati marocchini in Europa” (Diabasis, 2009, prefazione di Vittorio Dan Segre), di “Pakistan Express. Vivere (e cucinare) all’ombra dei talebani” (Lindau, 2011; finalista del premio Bancarella della cucina 2012; tradotto in Polacco dalla casa editrice Sic!; prefazione di Oliviero Toscani) e di “La mia scuola è il mondo” (Melagrana, 2013; prefazione di Graziano Delrio).

 

 

No commento

Lascia risposta

*

*