Ecco i pomodori trasparenti, solidali e bio diversi

Se ne parlerà alla Tienda Martedì, Un’associazione che opera in territori sequestrati alla camorra. Ansie preoccupazioni e ambizioni di un gruppo di rivoluzionari

Un gruppo di una ventina di combattenti ha deciso che la loro “rivoluzione” dovesse passare nella terra e i suoi prodotti, e così è stato.

Nati pochissimo tempo fa, Maggio dello scorso anno, ci racconta Luigi Gilardetti, appassionato volontario in questo gruppo: “Oggi siamo un’Associazione di Scopo temporaneo, e abbiamo l’intenzione a breve di diventare cooperativa sociale. Operiamo soprattutto a Cancello, piccolo centro della Campania, in un territorio confiscato a Zagaria, certo c’è voluto coraggio e abnegazione, abbiamo subito anche in così poco tempo un atto intimidatorio, una pompa idrica incendiata, di per se non è una gran cosa, ma lavorare nell’intimidazione non porta mai piacere.

La Nostra terra, nasce in Campania, ma ha intenzioni in poco tempo di espandersi anche nel profondo Nord, tra le terre della Val da Aosta al Piemonte, sono già al lavoro alcuni volontari per cercare i terreni ove lavorare, e la fattibilità.

Prodotti tuttti a base di pomodori, i classici della cucina campani e in più generale, meridionale, i pomodori di San Marzano, i Corbarino, caratteristici per il loro incredibile sapore di mare e infine l’orgoglio della cucina partenopea, i pomodorini del piennolo, di chiara matrice vesuviana.

“Abbiamo intenzione di fare qualcosa al Nord”, continua Luigi, “vero che cominceremo le nostre promozioni a Bologna l’11 Dicembre, poi lentamente ci apriremo ad altri luoghi per promuovere attraverso delle cene i nostri prodotti, ma ovviamente cercheremo di non snaturare i frutti della terra,  che devono avere un’unica caratteristica, essere fedeli alla loro tradizione”

La Produzione e la vendita di Pomodori Solidali, Trasparenti, Biodiversi è solo una tappa verso la creazione di una Fattoria Sociale che pratichi un’agricoltura sana e sostenibile, passando per una Lotta al Caporalato e sostenendo l’Integrazione e l’Accoglienza.

Di tutto questo se ne parlerà Martedi alle 18 ancora al centro la Tienda, (ormai specializzata in appuntamenti socio culturali e anche teatrali) con Gennaro Ferrillo che ci spiegherà questo tentativo di superare finalmente la logica del profitto e dello sfruttamento.
La Tienda Bottega Equosolidale sostiene queste iniative sociali distribuendone i prodotti con un ricarico ridotto.

Ingresso Libero…passaparola!
Siamo al Forum Scarlatti, in Via Scarlatti 198 ed ingresso anche da via Solimena 143. (Angolo negozio Zuiki di Via Luca Giordano) Parte dei terreni coltivati sono un Bene Confiscato alla Camorra.

 

No commento

Lascia risposta

*

*