E finalmente il suicidio in diretta

Si getta dal tetto, incitato a farlo si schianta al suolo tra alcuni applausi, ripresa in diretta su Facebook. ora è in condizioni gravissime

In principio sembrava una bufala, invece è vero, aggiungiamo, tristemente vero.

Con i nostri cellulari riusciamo a filmare di tutto, dal sesso sfrenato nelle camere da letto per rendere pubblica insolentendola la propria intimità, al cercare per la strada cose sempre più forti da potere raggiungere in poco tempo quanti più like possibile.

E qualche giorno fa, partecipe una giornata tra le più calde dell’anno si è consumato l’incredibile, in una rinomata località turistica, Jesolo.

Un uomo, nato in Algeria 41 anni or sono è stato l’oggetto del desiderio per una masnada di persone che nulla di meglio non hanno da fare che guardare a lui che viveva la sua tragedia.

La moglie e la cognata hanno chiamato la polizia perché stando alle loro dichiarazioni, lui avrebbe usato violenza nei loro riguardi, non è ancora dato da sapere che tipologia di violenza fosse, ma è certo che l’algerino non fosse uno stinco di Santo anzi… le due donne asseriscono che fosse un violento.

Ma l’uomo alla vista della polizia si è arrampicato sul tetto di casa portando con se alcune bottiglie di vino e birra, e dal tetto ha cominciato a buttare contro poliziotti e passanti le bottiglie vuote o le stesse tegole del tetto.

Sembra l’uomo fosse completamente ubriaco, e questo particolare lasciava intravedere il finale da tragedia che sarebbe avvenuto alle 14.

Per tre ore e mezzo la gente si è appassionata a vedere lo spettacolo e sopratutto nel cercare di capire come sarebbe andata a finire. alcuni funzionari hanno provato a farlo desistere dal suo insano desiderio, ma il finale dolce ormai lo conosciamo solo grazie ai telefilm.

Sotto il “palcoscenico” la gente guardava, in maggioranza preoccupati, e questo ci fa ben sperare, ma altri invece lo istigavano al suicidio, “gettati, facci vedere quanto sei uomo” alcuni gridavano, i telefonini con le loro micidiali armi di ripresa conservavano la scena che veniva vissuta in diretta da tutti gli amici degli amici di chi era in strada.

Dopo tre ore e mezzo la svolta, l’algerino ha preso una rincorsa e probabilmente, completamente ubriaco si è gettato cercando la fine.

Non è morto, ma è segnato, un’ambulanza lo ha portato via cercandogli di restituirgli quello che lui ha rifiutato, la vita. Le sue condizioni, ancora ora sono gravissime.

Come spesso accade si sono aperti due fronti, la Lega, ovviamente ci vede scuro e chiede che l’uomo che ha tentato il suicidio paghi un sacco di spese, da quella del soccorso per finire alla mobilitazione delle forze dell’ordine.

Gli stessi leghisti non hanno proferito parola contro coloro che hanno istigato al suicidio (un reato grave) e coloro che hanno offeso l’uomo e il suo disperato gesto sui social.

Sinistra Italiana invece se la prende con i profili che hanno divulgato la notizia con enfasi gioiosa, chiedendone la censura.

La tristezza di tutto ciò è che alcuni hanno anche applaudito e sorriso come se lo spettacolo, una volta tanto fosse stato di loro gradimento. Anche questo è il Paese che viviamo, questa è la vera tragedia

No commento

Lascia risposta

*

*