Beni comuni, crisi del demanio, privatizzazioni

Martedì 24 marzo 2015 a partire dalle 16.00 ISTITUTO ITALIANO PER GLI STUDI FILOSOFICI Palazzo Serra di Cassano – Via Monte di Dio, 14 http://www.iisf.it

Il 9 marzo A.D. 2015 dopo quattro ore di una discussione senza esclusione di colpi ed aver superato una pregiudiziale, 21 emendamenti, quattro appelli nominali il Consiglio Comunale di Napoli con 23 voti a favore su 29 votanti, ha approvato la delibera n.258\2014 che segna un ulteriore passo in avanti sul cammino benecomunista della nostra comunità. Finalmente i beni immobili e/o terreni di proprietà comunale in stato di abbandono, inutilizzo o parziale utilizzo verranno individuati attraverso l’opera dell’ Osservatorio cittadino permanente sui beni comuni della città di Napoli e con una procedura partecipata ne sarà definita la destinazione d’uso privilegiando la preferenza alle attività a carattere sociale, culturale, educativo e ricreativo, attraverso le quali favorire l’inclusione e l’aggregazione sociale di fasce a rischio. Verranno messi a bando ed affidati sulla base della valutazione di un piano di gestione. In attesa della pubblicazione all’albo pretorio del testo con gli emendamenti si moltiplicano i momenti di riflessione pubblica.

TAVOLA ROTONDA

Martedì 24 marzo 2015 a partire dalle 16.00

CARLO AMIRANTE (costituzionalista militante), CARLO IANNELLO (avvocato polemista consigliere comunale), MARIA ROSARIA MARELLA (giurista benecomunista), SERGIO MAROTTA (sociologo giuridico d’assalto), MASSIMO VILLONE (costituzionalista praticante)

 

No commento

Lascia risposta

*

*